Come arredare un negozio di abbigliamento

Il settore dell’abbigliamento è una delle attività commerciali più competitive, sia in Italia che all’estero per varie ragioni; una causa è l’esplosione delle vendite online. Esistono diversi tipi di negozi di abbigliamento, che possono variare per dimensione e per tipologia di clienti a cui è rivolta.

Progettare e arredare un negozio di abbigliamento in modo corretto significa dare un’impronta unica alla propria attività e avere la possibilità di distinguersi dai numerosissimi concorrenti. Abbiamo individuato cinque punti chiave per arredare un negozio in modo funzionale, riportando anche alcuni esempi reali.

Arredare un negozio con spazi coerenti ed identitari per ogni capo di abbigliamento

Ad ogni capo di abbigliamento dovrà corrispondere un arredamento specifico e coerente con il posizionamento del marchio. Esplicitiamo il concetto con un esempio: in un negozio di cravatte e camice classiche le camice dovranno essere ordinate e impilate perfettamente in arredamenti eleganti e ben rifiniti e le cravatte dovranno avere degli espositori specifici (come da foto sotto). L’ordine e l’eleganza è coerente con il cliente tipo che compra camice e cravatte classiche.

arredare un negozio

Il piano di lavoro - utile strumento di lavoro e di vendita

Il piano di lavoro è lo strumento di lavoro più utile per un commesso e può avere diverse funzioni a seconda del flusso di persone presenti in negozio. Esso permette di poter far visionare meglio la merce, come ad esempio borse o accessori, durante i periodi meno frequentati. Durante i periodi pieni, il tavolo sarà utile per riordinare la merce in modo veloce o far vedere ai clienti le varie opzioni di abbinamento disponibili.

Il consiglio è sempre quello di acquistare un tavolo molto ampio e antigraffio, oltre che in armonia con l’arredamento e lo stile dei marchi presenti in negozio.

piano di lavoro negozio abbigliamento tavolo

La vetrina come un palcoscenico mobile per i propri capi d’abbigliamento

Il settore della moda è uno dei più mutevoli, in cui le tendenze e i nuovi prodotti si accavallano o anche scompaiono nel giro di poche settimane o addirittura giorni. Fondamentale sarà progettare e arredare una vetrina che possa cambiare in poche semplici mosse dal personale e in poco tempo. 

La vetrina dovrà essere abbastanza spaziosa per poter dare il giusto spazio ai capi e agli accessori di scena. Avere a disposizione uno spazio ristretto, si rischia di dare la sensazione di disordine e di troppo pieno nella vetrina. Altro motivo per cui progettare uno spazio vetrina ampio è quella di dare al personale la possibilità di entrare e lavoraci in modo funzionale e veloce.

arredare un negozio vetrina

cabine ampie e climatizzare, una scelta vincente per te e i tuoi clienti

L’aver attirato il cliente dentro il negozio è già una gran conquista. Ora, concretizzare la vendita sarà più facile, spesso però, molte vendite non si concludono, perché il cliente si spazientisce a causa di camerini angusti, sporchi e caldi. Sarà fondamentale progettare delle ampie cabine, provviste di sgabelli, ripiani di appoggio e appendiabiti funzionali, anche rinunciando a qualche scaffale espositivo. In più, progettare un adeguato sistema di climatizzazione dedicato ai camerini farà sì che durante la stagione estiva i clienti possano provare gli abiti in modo comodo e confortevole, niente più del caldo soffocante scoraggia gli acquisti.

L’illuminotecnica - porta sulla scena i capi di abbigliamento

Come ogni palcoscenico che si rispetti le luci sono fondamentali. Ogni tipologia di abbigliamento ha bisogno di una luce con intensità, frequenza, calore e colore specifici. In commercio esistono dei faretti appositi in grado di cambiare con pochi semplici click tutte le impostazioni, controllabili anche tramite Smartphone. Si consiglia comunque di consultare sempre un Visual Merchandiser o vetrinista per una corretta esposizione.